Bambole senza capelli per i piccoli pazienti oncologici

Bambole senza capelli per i piccoli pazienti oncologici

Bambole senza capelli e con foulard, omaggio ai bambini affetti da tumori. Sono le Baby Pelones, in omaggio ai bambini affetti da tumori e per sostenere l’oncologia pediatrica dell’Istituto dei Tumori di Milano.

Le Baby Pelones sono un’idea della Fondazione Juegaterapia, che ha lanciato l’iniziativa nel 2014 per catalizzare l’attenzione sul cancro infantile attraverso bambole che mostrano uno dei segni più visibili di questa malattia: la caduta dei capelli.
In poco tempo sono diventate un simbolo della lotta contro la malattia e hanno permesso a migliaia di persone di contribuire a questa causa.

La Fondazione aiuta in Spagna i bambini malati di cancro attraverso attività ludiche e ha in Italia, attivato una collaborazione con l’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano,in particolare con la Pediatria Oncologica. Si tratta del più importante centro italiano – e uno dei più importanti in Europa – per la cura delle neoplasie solide del bambino e dell’adolescente.

La Fondazione ha già donato le Baby Pelones ai bambini ricoverati in Oncologia Pediatrica negli ospedali di Spagna, Brasile, Colombia, Portogallo, Argentina, Messico e Miami. Oltre che in Spagna, le bambole sono già disponibili in Portogallo, Messico e ora in Italia; tra i protagonisti italiani anche la cantante Laura Pausini che ha disegnato i modelli di bambola con foulard.

Il progetto che verrà finanziato presso la Pediatria Oncologica dell’Istituto dei tumori sarà finalizzato allo studio molecolare dei tumori rari dell’infanzia, in particolare del tumore del colon-retto, una neoplasia tipica dell’adulto che può però insorgere anche in età pediatrica, con il fine di trovare specifici target terapeutici.



Fonte di